Come Danae

The novel Come Danae, as mentioned before, is about a girl from Eastern Europe named Tamara.
Here is an excerpt for you (first follows, as usual, the English version and second the Italian one).
Enjoy your reading!

“It was almost seven in the evening and Bellomo was going home exhausted as if he had been beaten by a professional boxer. Suddenly he heard a roar coming from inside. It was like witnessing the birth of a black hole that imploded in place of the stomach. He remembered he hadn’t had lunch yet, and now that he was done with his job and that he no longer felt any urgency, he was sure he could have sucked the world inside himself if he hadn’t found a way to fill the gash of emptiness that was being opened. A good hot meal was what he needed.
He headed for his favorite restaurant. Pasquale would have known how to silence and tame his ravenous monster.
He crossed the little park where swarms of children were running around intently in their games; small groups of mothers who pretended to talk to each other, while instead they were worried about chasing their children with a protective gaze; small groups of elderly people, sitting on the benches, tired but not enough to give up telling, to the one who would listened, about the mystery of how well they remembered the past and how they increasingly forgot about the present, in an effort to ignore the future.
Wandering with his eyes he saw a slender figure from behind, on the grass. Sitting cross-legged, she read. How did she manage to do so in that hellish noise? The reddish hair flowed in waves on the shoulders and the light breeze that was rising stirred the outline. He peered, as if to verify that he was not having a hallucination. It was her? Tamara?

– Hello. – She said. He had approached without thinking. Then, as if feeling guilty, he looked around.

– Hello. – Replied the seraphic girl.

– Are you alone? Asked the reporter perplexed.

– Yes, for a while. In a little while Giulia will arrive and we’ll go back to …
The girl stopped uncertain.

– Are you no longer in the hospital and cannot tell me where you are? It does not matter. You don’t have to tell me.

– No, that’s not it.

– And what is it, then? Bellomo replied curiously.

– I was going to say … home. – She blushed.
They remained silent for a few seconds.

– I finished transcribing the interview. Bellomo went on, surprising himself why he had told her so.

– And … how is it?

– Well, not bad.
Still silence.

– Are you reading?
What kind of questions did he ask? What can one do with a book in his hands, especially if it has no pictures?

– Yes. What are you doing now?

– I was going to dinner. Lunch, actually. I haven’t eaten anything all day and I’m hungry!
He smiled embarrassed. What was going on with him?

– Is your wife waiting for you? Continued the girl.

– No, I’m not going home. I’ll go to a restaurant. And I don’t have a wife. And I cook really badly, but in return I eat well! Just kidding, – he went on seriously – in the kitchen I manage, but I’m so tired that I don’t feel like cooking tonight.
– He winked. What the fuck was he doing?

– Are not you married?

– No.

– Fiancé?

– No. Not even. He hurried to say.
What the hell was going on with him? Why such a hurry to tell the girl his own business?

– Good. Said the girl with a satisfied smile.

– Good. Bellomo replied uncertain not sure if that asset was a sort of invitation to leave or a satisfaction in finding out he had no relationship or whatsoever.
They remained silent for a while, immersed in the noise of children’s cackling. Bellomo felt dizzy. It had to be the effect of hunger, he told himself. He decided he would say goodbye and finally go to dine. But Tamara anticipated it.

– Next week they will release me from the hospital.

– Ah! – Bellomo only managed to say surprised.

– They say I can stay in Italy and ask for a residence permit.

– Do you want to stay here?

– I don’t want to go back.

– What will you do?

– I don’t know yet. Maybe I’m finishing my studies or I’ll look for a job right away. Giulia said that for a while I can stay at her place until I find my own accommodation.

– Giulia’s smart, right?

– Yup.

– Lupus in fabula! – Giulia’s voice at his back made him jump, as if he had been caught stealing.

– Giulia … – she turned around, unable to hide his uneasiness.

– That’s me. – Said the woman with a clear expression of surprise on her face as soon as she noticed the veiled redness on the man’s cheeks. – Well, well. Maurizio! What are you doing here? Another interview? – And this time she raged on the journalist, sounding utterly doubtingly.

– I just happened to pass by.
What an ass he must look. Passing by! It would seem right the opposite, the way it sounded!

– Sure. You couldn’t have known we would be here today, could you? – Giulia said returning to look at Tamara as if to make sure it was not her who had warned him.

– No, of course not.
He was responding like a real jerk! Luckily his job was to use words! Otherwise who knows what other bullshit would have fired!
– The social worker looked at Tamara and then back at him.

What was going on there?

Was she missing something?”

————————————————————————————————————————————————————

Il romanzo Come Danae, come già accennato, è incentrato sulla storia di una ragazza dell’Est, di nome Tamara.
Ecco qui sotto un estratto del romanzo per voi (come è d’uso, prima trovate la versione in inglese e poi quella in italiano).
Buona lettura!

Erano quasi le sette di sera e Bellomo se ne tornava a casa spossato come fosse stato picchiato da un pugile professionista. All’improvviso sentì come un ruggito provenire dal suo interno. Era come assistere alla nascita di un buco nero che implodeva proprio al posto dello stomaco. Si ricordò di non aver ancora pranzato, ed ora che aveva finito col suo lavoro e che non sentiva più alcuna urgenza, era sicuro che avrebbe potuto risucchiare il mondo dentro di sé se non avesse trovato il modo per riempire lo squarcio di vuoto che si stava aprendo. Un buon pasto caldo era quello che gli serviva.

Si diresse verso il suo ristorante preferito. Pasquale avrebbe saputo come tacitare ed addomesticare quel suo famelico mostro.

Attraversò i giardinetti dove sciami di bambini scorrazzavano intenti nei loro giochi; capannelli di mamme che fingevano di parlare fra loro, mentre invece erano preoccupate a rincorrere con sguardo protettivo i propri figli; piccoli gruppetti di anziani, seduti alle panchine, stanchi ma non abbastanza da rinunciare a raccontare, al primo che stava ad ascoltarli, del mistero di come ricordavano benissimo il tempo passato e di come sempre più spesso si dimenticavano del presente, nello sforzo di ignorare il futuro.

Vagando con gli occhi scorse un’esile figura di spalle, sull’erba. Seduta a gambe incrociate leggeva. Come riusciva a farlo in quel chiasso infernale? La chioma rossastra fluiva ad onde sulle spalle e la leggera brezza che si stava alzando ne smuoveva il contorno. Scrutò, come per verificare che non stesse avendo un’allucinazione. Era lei? Tamara?

– Ciao. – disse. Si era avvicinato senza pensarci. Poi come preso da un senso di colpa si guardò intorno.

– Ciao. – gli rispose la ragazza serafica.

– Sei sola? – chiese perplesso il giornalista.

– Sì. Per poco. Fra un po’ arriva Giulia e torniamo insieme a…

La ragazza si fermò incerta.

– Non stai più in ospedale e non puoi dirmi dove stai? Non importa. Non devi dirmelo.

– No, non è quello.
– E cos’è? –  ribattè incuriosito Bellomo.

– Stavo per dire… casa. – Arrossì.

Rimasero muti per qualche secondo.

– Ho finito di trascrivere la tua intervista poco fa. – riprese Bellomo comunicandole la notizia senza bene capire il perché.

– E… come è venuta?

– Bene. Bene.

Ancora silenzio.

– Leggi?

Che domande faceva? Che cosa si può fare con un libro in mano e soprattutto se non ha figure?

– Sì. Tu, invece, che cosa fai ora?

– Stavo andando a cena. Pranzo, per la verità. Non ho mangiato niente tutto il giorno ed ho una fame!

Sorrise imbarazzato. Che gli stava prendendo?

– Tua moglie ti aspetta? – proseguì la ragazza.

– No, non vado a casa. Vado in un ristorante. E non ho una moglie. E poi cucino malissimo, ma in compenso mangio benissimo! No scherzo, – riprese serio – in cucina mi arrangio, però sono così stanco che non ho voglia di mettermi ai fornelli.

Strizzò l’occhio. Che cazzo stava facendo?

– Non sei sposato?

– No.

– Fidanzato?

– No. Nemmeno. – si affrettò a dire.

Che diavolo gli stava succedendo? Perché tanta fretta di raccontare i fatti suoi a quella ragazzina?

– Bene. – disse la ragazza con un sorriso soddisfatto.

– Bene. – replicò Bellomo incerto perché non capiva se quel bene fosse una sorta di invito al commiato o una soddisfazione nel constatare che lui non avesse alcun tipo di relazione.

Rimasero ancora un po’ in silenzio, immersi nel rumore degli schiamazzi dei bambini. Bellomo si sentiva stordito. Doveva essere l’effetto della fame, si disse. Decise che l’avrebbe salutata e se ne sarebbe andato a cena, finalmente. Ma Tamara lo anticipò.

– La settimana prossima mi dimettono dall’ospedale.

– Ah! – riuscì solo a dire Bellomo sorpreso.

– Dicono che posso rimanere in Italia e chiedere il permesso di soggiorno.

Vuoi rimanere qui?

– Non voglio tornare.

– Cosa farai?

– Non lo so ancora. Forse finisco gli studi oppure mi cerco subito un lavoro. Giulia ha detto che per un po’ posso rimanere da lei, fino a che non trovo una sistemazione tutta mia.

– È in gamba Giulia, vero?

– Sì.

– Lupus in fabula! – la voce di Giulia alla sue spalle lo fece sobbalzare, come fosse stato sorpreso a rubare.

Giulia… – si girò non riuscendo a nascondere il suo imbarazzo.

– Esatto. Sono io. – disse la donna con una chiara espressione di sorpresa appena si accorse del rossore velato sulle guance dell’uomo.- Guarda, guarda. Maurizio! Che ci fai qui? Un’altra intervista? – e questa volta infierì sul giornalista, assumendo un tono burlesco.

– Passavo per caso.

Che figura di merda stava facendo. Passare per caso! Sarebbe sembrato l’opposto detto così!

Certo. Non potevi mica sapere che saremmo state qui oggi, vero? – e si voltò verso Tamara come per sincerarsi che non fosse stata lei ad avvisarlo.

– No, certo che no.

Stava rispondendo come un vero coglione! Menomale che il suo mestiere era usare le parole! Sennò chissà quali altre cazzate avrebbe sparato!

L’assistente sociale guardò Tamara e poi guardò lui. Che stava succedendo lì? Si era persa qualcosa?

Bene. Io vado. – disse Bellomo deciso a scomparire prima di dire qualche altra stronzata.

– Ti posso chiamare?  – si precipitò ad aggiungere Tamara prima che se ne andasse.

La richiesta inattesa produsse improvvisi e convulsi colpi di tosse a Bellomo che sbagliò a deglutire la saliva che gli si stava accumulando in bocca per il nervosismo. Divenne paonazzo e, prima di rispondere, guardò l’assistente sociale come a scusarsi e a dire che lui non ne sapeva niente, che nemmeno lui si aspettava quella domanda, mentre il cuore prese a battergli forte come volesse schizzargli fuori dal petto. Ma che cavolo era diventato? Un imbranato al primo appuntamento?

– Se vuoi.

Mi dai il tuo numero? – chiese ancora con molta calma e a suo agio la ragazza.

Certo. – e preso un suo biglietto da visita dalla tasca glielo porse. – Qui ci trovi quello di casa, il cellulare e pure la mail. – spiegò in un fiato e si allontanò senza nemmeno salutare.”

Ecco i diversi tentativi per la bozza della copertina del romanzo.

Danae 1 – Matita su carta
Danae 2 – Matita su carta
Danae 3 – Inchiostro su carta
Danae 4 – Carboncino su carta
Danae 5 – Olio su tela

E infine l’opera definitiva che meglio rappresenta la trama del romanzo.

Come Danae – Olio su tela

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s